riduzione mammaria - ISAPS

Tags: breast reduction, italian

Riduzione mammaria

Vengono ridotte le dimensioni del seno, migliorando l’aspetto fisico e sintomi emotivi-psicologici che un seno di dimensioni elevate può causare.

Procedura

La chirurgia di riduzione del seno, definita anche mastoplastica riduttiva, riduce la taglia e migliora la forma delle mammelle. Tipicamente le donne candidate a questo tipo di chirurgia hanno dei sintomi fisici in relazione al peso o alla conformazione abbondante delle mammelle. Questi sintomi comprendono mal di schiena, dolore cervicale, segno del reggiseno sulle spalle. Le incisioni variano a seconda della tecnica chirurgica da utilizzare. Si pratica un ‘incisione intorno al capezzolo accompagnata da un incisione verticale fino al solco mammario con o senza un’incisione orizzontale fatta nel solco inframammario. Esistono delle tecniche che prevedono delle cicatrici più brevi con ottimi risultati in termini di forma finale e entità della riduzione. Per la riduzione di mammelle molto grandi può essere necessario rimuovere il capezzolo e reinnestarlo in posizione corretta. Questo rende impossibile l’allattamento e oltre a non lasciare alcuna sensibilità sul capezzolo.

Durata

L’intervento dura 2-4 ore a seconda della tecnica scelta per eseguire l’intervento e a seconda della taglia di partenza del seno.

Anestesia

Questo intervento viene di solito svolto in anestesia generale. Piccole riduzioni possono essere eseguite in anestesia locale con sedazione .

Ricovero o ambulatoriale

A seconda della taglia del seno, tipo di anestesia scelto, durata dell’intervento il paziente può rientrare a casa il giorno stesso o pernottare in clinica o in ospedale.

Possibili effetti collaterali

Gonfiore prolungato nel tempo e ritardo di cicatrizzazione.

Rischi

I rischi che si associano alla riduzione del seno sono: cicatrici anomale, perdita della sensibilità areolare, perdita della capacità di allattare, forma non soddisfacente e impossibilità a conseguire i risultati estetici.

Convalescenza

Normalmente la convalescenza è di 1-2 settimane. La maggior parte dei pazienti tornano alle normali attività in quell’intervallo temporale. L’attività fisica più intensa si può riprendere dopo 4-6 settimane.

Risultati

La maggior parte dei pazienti che si sottopongono a mastoplastica di riduzione sono contente del risultato e i sintomi come dolore alla schiena regrediscono unitamente al disconfort legato all’eccessivo peso delle mammelle. Dopo riduzione mammaria l’attività fisica è resa più agevole e i pazienti apprezzano molto il loro nuovo aspetto e la possibilità di indossare abiti prima inutilizzabili, scomodi o comunque non gradevoli.

  • Instagram, Twitter and YouTube 101 for Doctors

    Perhaps you’ve already mastered the use of Facebook as a tool for marketing your practice. Or perhaps you don’t want to use Facebook at all, and want to explore other outlets. Fortunately, … more

  • Benvenuti nel Blog ISAPS

    La Società Internazionale di Chirurgia Plastica Estetica (ISAPS) è stato istituito nel 1970 per promuovere l'eccellenza nel campo della chirurgia estetica in tutto il mondo. La Societ& … more

Fonti ISAPS

Anche se le seguenti fonti rappresentano un valido mezzo di scambio di informazioni tra i nostri membri, incoraggiamo anche i pazienti che siano interessati, a servirsene

Seguici